A Pitti Immagine i risultati dell’indagine sulle professioni manageriali del settore moda

Quello della moda è uno dei settori di punta del Made in Italy, con oltre 48 mila opportunità di lavoro previste nei prossimi anni, un’industria che ha bisogno di giovani brillanti e motivati, confermando la necessità di rafforzare l’alleanza delle imprese di tutta la filiera, con la migliore offerta formativa del Paese.  

Mercoledì 8 gennaio, nell'ambito della fiera Pitti Immagine, in programma presso la Fortezza da Basso a Firenze, saranno presentati i risultati finali dell'indagine nazionale realizzata in questi mesi da Fondirigenti e Sistema moda Italia (Smi), tra le imprese associate, per delineare le figure che serviranno per far fronte al fabbisogno, per adeguare l'organizzazione aziendale alle nuove esigenze dei mercati e dei canali distributivi. 

La ricerca ha avuto l’obiettivo di rilevare quali sono le competenze e i profili necessari, con focus sulle figure tecniche intermedie, quelle con le migliori prospettive occupazionali e che risultano più difficili da reperire, e con una valutazione dell’offerta formativa presente sul mercato. 

I risultati dell’indagine

Secondo le stime di Confindustria Moda, il settore avrà bisogno di effettuare molte assunzioni entro il 2023, sia per rimpiazzare i prossimi pensionamenti, sia per far fronte alla crescita del comparto moda negli ultimi anni. Di queste, il 35% saranno per diplomati (in gran parte degli istituti tecnici e professionali) e oltre il 7% laureati. In dettaglio, per il settore Tessile-Abbigliamento e Pellicceria saranno ricercate 22.000 persone, per Pelletteria-Concia-Calzature 23.100, per Occhialeria 1.900 e mille per Oreficeria/Gioielleria. Tra le figure più richieste nel tessile-abbigliamento: gli ingegneri e tecnici di processo, gli specialisti gestionali e informatici e quelli di prodotto, gli esperti in chimica, fibre e tessuti. Nella pellicceria mancano assortitori di pelli, tagliatori e inchiodatori, macchinisti, modellisti e assemblatori/montatori. Molte le opportunità anche nella pelletteria, nell'industria delle calzature, dell'occhialeria, nell'oreficeria e gioielleria. 

Il settore TAM è una delle eccellenze del nostro Paese, per il quale è necessario rafforzare la dotazione di competenze innovative e manageriali per far fronte alla competizione internazionale. Dall'analisi, che ha coinvolto centinaia di imprese del settore, è emersa anzitutto la necessità di aggiornare e potenziare l’offerta di figure professionali al passo con le richieste aziendali, offrendo ottime opportunità lavorative ai giovani e ai manager.  In merito alla preparazione in ingresso, le aziende ritengono abbastanza adeguate le competenze dei diplomati tecnici e degli ITS anche se segnalano necessità di rafforzare le competenze trasversali (come il lavoro in team) e di completare anche la preparazione tecnico/specialistica.  

Dato importante è la richiesta di figure manageriali necessarie per governare i cambiamenti in atto. Sei dei 37 profili professionali messi sotto osservazione dall'indagine rientrano strettamente nell'area manageriale (Responsabile Commerciale e Marketing, Responsabile IT, Responsabile di Produzione, Responsabile Risorse Umane, Responsabile Stile Prodotto, Store Manager).  Per queste figure le competenze chiave sono il marketing e la comunicazione, le tecnologie dell’IT, la pianificazione dei cicli produttivi e la gestione delle risorse umane. I risultati sulla crescente domanda di managerializzazione da parte delle imprese sono positivi, sia per i profili senior, che nel settore TAM possono trovare ottime occasioni per mettere a frutto la propria esperienza, sia per i profili junior interessati a intraprendere questa professione. 
Alla conferenza stampa di presentazione dei risultati interverranno il presidente di SMI Marino Vago, la presidente del Centro di Firenze per la moda Antonella Mansi e il presidente di Fondirigenti Carlo Poledrini. 

L’appuntamento è per mercoledì 8 gennaio alle ore 10.00, presso l’Area monumentale (I Piano – Sala Riunioni) presso Pitti Immagine a Firenze.

Info: Link


Leggi anche:

news image

L’indagine OCSE sullo smart working: utilizzi, difficoltà e vantaggi percepiti dalle imprese

A seguito dell'emergenza Covid-19, si è verificata in tutto il mondo una vera e propria esplosione dello smart working all’interno di organizzazioni e imprese. Il lavoro “a distanza” ha trasformato completamente il volto delle nostre aziende e nonostante le difficoltà iniziali sono molti gli aspetti positivi emersi da questa nuova modalità: in molti casi è stato possibile riscontrare un miglioramento della produttività, oltre che una migliore conciliazione fra qualità della vita e lavoro, fattori questi che potrebbero favorirne la diffusione anche in futuro.  A tale proposito l’OCSE sta promuovendo, in questi giorni, un’indagine finalizzata a comprendere l’impatto che il lavoro agile potrebbe avere sulla performance aziendale e sulla produttività, per capire meglio in che modo le aziende stiano affrontando questo cambiamento. 

03-12-2020
Leggi tutto
news image

A scuola di impresa: i risultati E-LAB, intrapreneurship labs per dottori di ricerca

La carriera universitaria per una percentuale sempre più alta di dottori e dottorandi in Italia resta solo un sogno. A 35 o a 40 anni molti di loro, dopo aver investito gli anni più importanti della propria formazione nella carriera accademica, devono rivedere le proprie ambizioni o cercare sbocchi lavorativi altrove. A cercare di colmare il gap tra le competenze ricercate dalle aziende e le competenze offerte dai talenti in attesa nel mondo accademico ci ha pensato E-LAB, l’iniziativa promossa da Fondirigenti in collaborazione con Assolombarda e Aldai, e realizzata da Start Hub, i cui risultati sono stati presentati in un convegno online conclusivo il 1º dicembre scorso. 

01-12-2020
Leggi tutto
news image

Fondirigenti: da Catania un modello di Management per lo sviluppo e l’innovazione delle imprese

Top management e dirigenti di venti aziende della provincia di Catania sono stati i protagonisti dell’iniziativa strategica “Modello di management” di Fondirigenti, finalizzata a sperimentare un nuovo modello di management innovativo che sarà presentato in diretta streaming giovedì 10 dicembre alle ore 15:00. Il progetto, realizzato da Tree Srl, ha mosso i primi passi dall’analisi del tessuto imprenditoriale e produttivo della Sicilia da cui è emerso un forte gap con le aree più virtuose del Paese rispetto alla conoscenza dei principali modelli innovativi per la gestione dell’impresa. 

30-11-2020
Leggi tutto